La reputazione in Rete bisogna guadagnarsela: l’esempio di AggregaBlog.

8 febbraio 2009 at 23:32 Lascia un commento

aggregablogAbbiamo vissuto per anni in un mondo in cui la comunicazione di tipo “broadcasting”, veicolata dall’alto al basso, portava aziende, istituzioni, politici e in generale le persone a pensare di potersi “creare la propria reputazione” attraverso siti vetrina autoreferenziali in cui autodefinirsi nei confronti della propria audience. Spesso si pensa ancora basti questo per far sapere agli altri quello che effettivamente si è, come si lavora, qual è il proprio rapporto con gli utenti o i consumatori, quale il proprio livello di servizio.

Quante volte abbiamo sentito dire nel mondo delle imprese (ma anche del no profit) che, ad esempio, un responsabile comunicazione deve “costruire fiducia”, in sostanza curare l’apparenza per salvare la faccia all’azienda, all’organizzazione, ai manager e al loro operato. Quasi che la reputazione fosse qualcosa da costruire artificialmente, in maniera “push”.

Col l’avvento del nuovo web, o web 2.0, non funziona più così. Oggi in Rete la reputazione non si può autocostruire: la reputazione, quella vera, sono gli altri che la costruiscono per noi.

È in questo contesto che si inserisce la nascita  del progetto AggregaBlog, non il solito aggregatore che raccoglie centinaia, migliaia di blog con l’unico scopo di generare traffico indistinto e guadagno economico.

AggregaBlog punta invece sulla selezione e la qualità. Le fonti vengono attentamente studiare, valutate, e se giudicate compatibili con gli obiettivi qualitativi, inserite. Lo staff è di prim’ordine, non i soliti informatici o esperti SEO trasformati in redattori autodidatti, ma persone qualificate che frequentano la rete da molto tempo e navigano ogni giorno “alla ricerca di post con molte marce in più!”

Un ottimo servizio quindi, che favorisce la vera reputazione, quella autentica, basata sul valore intrinseco e non sulle costruzioni artificiali elaborate ad arte ma spesso prive di reali contenuti.

Complimenti e buona fortuna a tutto lo staff!


Entry filed under: Comunicazione digitale, Internet, Marketing digitale, Personaggi, Social Media, Tecnologia. Tags: , , , , , , , .

Camisani Calzolari e il “Bullonificio Giallo” Guerrilla Marketing: dal “noi” azienda al “tu” cliente

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Privacy & Cookie Policy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com avente sede e giurisdizione legale negli USA. Utilizzando questa piattaforma, gli autori e il lettore sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookie erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati raccolti sono a noi visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non abbiamo conoscenza di alcuno dei dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori, ad eccezione dell'email necessaria per lasciare un commento o contattarci.

Hai la possibilità e la responsabilità di bloccare tutti i cookie che non desideri tramite opportuna configurazione del tuo browser.

Partner

Feeds

Community

Add to Technorati Favorites Social Media Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Categorie

Twitter Stefano Cucchi

Twitter Cristina Simone

Twitter Erika Verni

Twitter Elena Loro


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: