Camisani Calzolari e il “Bullonificio Giallo”

7 febbraio 2009 at 17:36 1 commento

smileMarco Camisani Calzolari, esperto di nuovo web, durante il recente seminario “Marketing e comunicazione digitale”, parlando a braccio, ha inventato sul momento un esempio molto simpatico che ha come protagonisti due piccoli imprenditori che producono bulloni: il primo, arretrato e tradizionale, l’altro tecnologicamente evoluto e orientato al web. Inutile dire che l’imprenditore più “avanti” è il titolare di quello che – sulle tracce dello “Yellow submarine” di beatlesiana memoria – è destinato a diventare un mito: il Bullonificio Giallo! Di seguito, la trascrizione adattata dell’intervento tratto dal seminario.

 “[…] Le aziende devono imparare a condividere. Quello che diamo spesso torna. Un po’ tutto in Rete, a partire dai link. Ormai lo sappiamo, se vogliamo tenere un utente chiuso all’interno del nostro wallet garden noi spariamo, moriamo. Se lo mandiamo via tornerà. […]”

“Provate ad andare a parlare all’imprenditore con la sua fabbrichetta, abituato a dover fare attenzione al concorrente, a spiegargli che gli utenti del suo sito deve mandarli da un’altra parte, che deve diventare un aggregatore dei migliori suoi concorrenti. Lui produce bulloni? Provate a dirgli: – Devi linkare quelli che fanno i migliori bulloni, probabilmente gli utenti verranno da te più spesso. Eppure sul web funziona proprio così!”

“Le aziende hanno bisogno di fare del market sensing, di sapere quello che si dice di loro, quello che succede nel  mercato. Io invece conosco imprenditori che sono lontani dalla conoscenza. Perché? Perché si mantengono legati alle loro abitudini.”

“L’imprenditore si alza la mattina, guarda il telegiornale. Che c’entra con i bulloni? Poi va in azienda e legge la rivista di settore, “Il bullone”, dove i contenuti sono scelti da un editore che per ragioni pubblicitarie probabilmente non dirà che la sua azienda, che fa pubblicità sulla rivista, produce bulloni schifosissimi. E non parlerà nemmeno di un’altra azienda, nuovissima, che non fa business con quell’editore, e produce dei bulloni straordinari. Il nostro imprenditore, di questa nuova azienda concorrente, non sa proprio nulla. Nel frattempo, su internet si parla malissimo di lui e dei suoi bulloni, e lui non lo sa. Perché non lo trova scritto da nessuna parte.”

“Poi c’è invece un altro imprenditore, il titolare del “Bullonificio Giallo”. Lui è più moderno, ha un bell’aggregatore dove pubblica, sì, le notizie del telegiornale, ma raccoglie anche tutti i blog sui bulloni. E poi ha un bel “search”, e tutte le volte che qualcuno scrive “Il Bullonificio Giallo” su Google, su un blog, su un commento, lui lo viene a sapere.”

“Quanto costa tutta questa operazione? Zero! Non costa nulla inserire nel proprio aggregatore queste fonti. E’ gratuito! E’ un problema di approccio, un problema culturale.”

Entry filed under: Comunicazione digitale, Eventi, Internet, Marketing digitale, Mobile, Personaggi, Social Media, Tecnologia. Tags: , , , , .

Giuliano Noci (Politecnico Milano): Le imprese non possono tenersi fuori dai social network La reputazione in Rete bisogna guadagnarsela: l’esempio di AggregaBlog.

1 commento Add your own

  • 1. Il bullonificio giallo | Aggrega Blog  |  8 febbraio 2009 alle 19:40

    […] Comunicazione digitale trascrive un mio intervento in cui, inventando, cerco di far capire l’importanza del web anche per quelle imprese che apparentemente del web se ne fanno poco: i bullonifici. […]

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Privacy & Cookie Policy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma di blogging WordPress.com avente sede e giurisdizione legale negli USA. Utilizzando questa piattaforma, gli autori e il lettore sono soggetti alle condizioni espresse dai Termini di Servizio e alla Privacy Policy di Automattic, ciascuno per la sua parte.

La piattaforma fa uso di cookie erogati per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati raccolti sono a noi visibili solo in forma anonima e aggregata secondo quanto stabilito da WordPress.com, e non abbiamo conoscenza di alcuno dei dettagli specifici di accesso (IP di provenienza, o altro) dei visitatori, ad eccezione dell'email necessaria per lasciare un commento o contattarci.

Hai la possibilità e la responsabilità di bloccare tutti i cookie che non desideri tramite opportuna configurazione del tuo browser.

Partner

Feeds

Community

Add to Technorati Favorites Social Media Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Categorie

Twitter Stefano Cucchi

Twitter Cristina Simone

Twitter Erika Verni

Twitter Elena Loro


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: