Archive for febbraio, 2009

Contro la crisi le PR si fanno online


onlinepr

Interagire in modo efficace ed economico direttamente con il proprio target di riferimento, non solo all’interno di un sito aziendale ma nell’intero spazio del web. Il tutto a costi nettamente inferiori rispetto a qualsiasi altra attività di marketing e comunicazione off line, sia in termini assoluti che di ritorno sugli investimenti. È questa la vera rivoluzione della comunicazione 2.0, quella che si gioca tutta su internet, sulle strategie di individuazione degli “angoli” giusti della rete, sull’ascolto delle opinioni, sulla partecipazione attiva.

Lo ha capito Cultur-e, che dal 2001 punta tutto sulla forza della comunicazione via web, mescolando insieme cultura, competenza tecnologica ed esperienza editoriale, come la stessa “e” finale ricorda, richiamando la nuova dimensione creata dalla comunicazione virtuale. Una chiave vincente che le ha pemesso di catturare l’interesse di numerose aziende italiane. (altro…)

27 febbraio 2009 at 21:39 Lascia un commento

Cosa si dice della tua azienda? Scoprilo con BuzzMetrics, il misuratore dei “rumori” in Rete


Che internet abbia rivoluzionato il marketing e la pubblicità non è un mistero: accanto alle forme tradizionali di dislpay advertising, il web favorisce una serie impressionante di forme di comunicazione “virale” legata al web 2.0, ovvero ai contenuti generati dagli utenti: dai blog alle community, dai forum ai social network, milioni di consumatori parlano e si scambiano opinioni su prodotti, marchi e aziende. Una forma di pubblicità che, essendo creata appunto dagli utenti e non dai produttori stessi, acquista talvolta un peso e una autorevolezza addirittura maggiori rispetto all’advertising tradizionale. Certo, si tratta di un tipo di pubblicità ben difficilmente misurabile, a differenza di un banner per il quale è possibile monitorare impression, click e quant’altro. Tuttavia, data la crescente importanza del marketing virale, Nielsen ha messo a punto un nuovo servizio per la misurazione dei Consumer Generated Media e del passaparola online. BuzzMetrics, questo il nome del nuovo servizio di Nielsen Online, ha lo scopo di consentire alle aziende di “pesare” l’importanza dei CGM (Consumer Generated Media, appunto) all’interno dei propri budget di comunicazione. Il servizio, che sarà lanciato in Italia il 5 marzo, quando sarà presentato con una conferenza stampa a Milano, tiene “sotto osservazione” circa 100 milioni di blog, social network, gruppi di discussione, forum e quanto possa essere classificato come “CGM”. BuzzMetrics si compone di quattro differenti “tool”: Brand Monitoring (monitora in tempo reale la popolarità e la reputazione del brand, anche in relazione ai concorrenti), Brand Connections & Customer Relations (per identificare gli interventi più opportuni per soddisfare le esigenze dei consumatori nelle comunicazioni online), Consumer Insights (per conoscere ciò che può generare le conversazioni fra gli utenti su un prodotto, ciò che può “diffondere la voce” in Rete e fare il successo o il fallimento di un brand) e Brand Campaign Planning & Measurement (una serie di alert e analisi per individuare i gruppi e i media più consoni ai prodotti che si intende promuovere). Con BuzzMetrics, Nielsen Online offrirà alle aziende una serie di servizi per facilitare le decisioni sugli investimenti verso i CGM. Fra questi anche BlogPulse, un motore di ricerca gratuito che analizza e riporta ogni giorno l’attività dei blog.

Fonte: AffariItaliani.it

26 febbraio 2009 at 11:19 2 commenti

È arrivato il Google bus.


Internet e Google si può dire siano un binomio indissolubilmente legato, con la diffusione del primo che è avanzata a grandi passi nel mondo seguita da un sempre più massiccio uso del motore di ricerca di Mountain View.

In molti paesi, se non in grandi parte del pianeta, non solo il digital divide ma addirittura la concezione stessa di internet e di accesso alla rete, seppur minimale, sono ancora difficoltosi o molto limitati. (altro…)

24 febbraio 2009 at 10:58 Lascia un commento

Nell’era digitale, carta e penna restano ancora regine degli uffici italiani


Una ricerca condotta da HP a livello internazionale rivela che l’Italia è tra i primi Paesi in Europa ad utilizzare carta e penna in ufficio. È ultima, invece, nel pensare al lavoro nel tempo libero.

“Verba volant scripta manent” dicevano gli antichi Romani. Niente di più vero: nonostante la nostra sia considerata l’era del digitale, carta e penna rimangono strumenti fondamentali per prendere le decisioni in ufficio.

 E’ quanto emerge da una ricerca commissionata da HP nelle piccole e medie imprese di tutta Europa.  L’indagine ha l’obiettivo di verificare l’importanza dei materiali stampati sul posto di lavoro ed è stata condotta su un panel di sette Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Olanda, Russia, Spagna e Gran Bretagna. (…)

Continua su Key4biz

18 febbraio 2009 at 17:58 Lascia un commento

L’Italia del digital divide: banda larga per pochi, ma è il pc il grande assente


Quanti sono i cittadini che in Italia hanno pieno accesso alle nuove tecnologie digitali grazie alla connessione veloce? I numeri ci restituiscono l’immagine di un Paese ancora lontano dalla media degli altri Paesi europei e diviso in due per quanto riguarda l’accesso ai servizi broadband (banda larga): da una parte le città medio-grandi, in cui c’è una diversificazione dell’offerta da parte degli operatori (quindi anche tariffe in concorrenza tra loro), dall’altra i piccoli centri, in cui le infrastrutture sono ancora di là da venire e l’offerta scarseggia, quando non è completamente assente. (…)

Continua su Forum PA

18 febbraio 2009 at 15:58 Lascia un commento

[mini]marketing: ed è ancora ebook


marketing_book

91 discutibili tesi per un marketing diverso

Solamente ventiduemila caratteri: non è un manuale di business ma un generatore di dubbi sul marketing e la comunicazione aziendale ai tempi della conversazione globale dei forum, delle community, dei blog, dei social network e delle forme fluide di dialogo online che con un rassicurante nome definiamo social media. Non ci troverete ricette segrete, liste di cose da fare, storie di casi di successo, ma qualche idea che mette in discussione tic e riflessi automatici del marketing che conosciamo. È anche e soprattutto un tentativo di far sedimentare quattro anni di conversazione online intorno a [mini]marketing: queste tesi non esisterebbero senza il contributo determinante della comunità di blogger, lettori, amici, commentatori, contatti che ho avuto l’onore di incontrare sul mio blog e nella parte abitata della rete.

(dall’introduzione dell’autore GIanluca Diegoli)

Qui puoi scaricare l’ebook completo 

11 febbraio 2009 at 19:54 1 commento

Social network e politica a confronto


In un accorato intervento Sabrina Mossenta,Community Marketing Leader di Viadeo, risponde ad un rappresentante politico intervenuto in occasione della presentazione del libro “Impresa 4.0“. La parte finale del dibattito, tutta incentrata sul marketing politico e sull’interazione con i cittadini attraverso gli strumenti del web 2.0, ha messo a confronto due approcci spesso diversi tra mondo politico e web. Il primo, attento a contare gli elettori, il secondo a pesarli in termini qualitativi. 

Ecco le parti salienti dell’intervento di Sabrina. (altro…)

11 febbraio 2009 at 16:54 Lascia un commento

Guerrilla Marketing: dal “noi” azienda al “tu” cliente


gmIl marketing tradizionale è il marketing del “noi”: la comunicazione delle aziende è per lo più rivolta a illustrare al cliente quanto l’azienda sia grande, brava, meravigliosa. Il Guerrilla Marketing è invece – sostiene in questo ebook l’autore Paolo Ferrari della European School of Economics (Milan Campus) – il marketing del “tu”. Ecco come tu, Cliente, puoi trarre beneficio da questa particolare offerta o servizio; ecco in che modo la tua vita può essere cambiata in meglio da questo prodotto che ti viene offerto. E’ tutta una questione di “angolo visuale”, di prospettiva: il cliente al centro del discorso, non il venditore, perché ciascun cliente è, per se stesso, la cosa che più gli preme.

Scarica qui l’ebook Guerrilla Marketing

(altro…)

10 febbraio 2009 at 21:56 Lascia un commento

La reputazione in Rete bisogna guadagnarsela: l’esempio di AggregaBlog.


aggregablogAbbiamo vissuto per anni in un mondo in cui la comunicazione di tipo “broadcasting”, veicolata dall’alto al basso, portava aziende, istituzioni, politici e in generale le persone a pensare di potersi “creare la propria reputazione” attraverso siti vetrina autoreferenziali in cui autodefinirsi nei confronti della propria audience. Spesso si pensa ancora basti questo per far sapere agli altri quello che effettivamente si è, come si lavora, qual è il proprio rapporto con gli utenti o i consumatori, quale il proprio livello di servizio.

Quante volte abbiamo sentito dire nel mondo delle imprese (ma anche del no profit) che, ad esempio, un responsabile comunicazione deve “costruire fiducia”, in sostanza curare l’apparenza per salvare la faccia all’azienda, all’organizzazione, ai manager e al loro operato. Quasi che la reputazione fosse qualcosa da costruire artificialmente, in maniera “push”.

Col l’avvento del nuovo web, o web 2.0, non funziona più così. Oggi in Rete la reputazione non si può autocostruire: la reputazione, quella vera, sono gli altri che la costruiscono per noi. (altro…)

8 febbraio 2009 at 23:32 Lascia un commento

Camisani Calzolari e il “Bullonificio Giallo”


smileMarco Camisani Calzolari, esperto di nuovo web, durante il recente seminario “Marketing e comunicazione digitale”, parlando a braccio, ha inventato sul momento un esempio molto simpatico che ha come protagonisti due piccoli imprenditori che producono bulloni: il primo, arretrato e tradizionale, l’altro tecnologicamente evoluto e orientato al web. Inutile dire che l’imprenditore più “avanti” è il titolare di quello che – sulle tracce dello “Yellow submarine” di beatlesiana memoria – è destinato a diventare un mito: il Bullonificio Giallo! Di seguito, la trascrizione adattata dell’intervento tratto dal seminario.

(altro…)

7 febbraio 2009 at 17:36 1 commento

Articoli meno recenti


Partner

Feeds

Community

Add to Technorati Favorites Social Media Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Categorie

Twitter Stefano Cucchi

Twitter Cristina Simone

Twitter Erika Verni


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.368 follower